by Molly MIchelson

 

Screen-Shot-2014-06-12-at-12.51.07-PM

Il volto umano è molto espressivo. Espressioni facciali complete trasmettono molto , e i nostri occhi spesso fanno  sapere agli altri cosa stiamo pensando. Considerando un semplice sguardo, possiamo seguire il movimento degli occhi altrui per vedere ciò che stanno vedendo. Anche i cani possono farlo, e osservare l’oggetto  che stiamo seguendo.

Per anni, gli scienziati hanno studiato la segnalazione dello sguardo, come viene chiamato, negli esseri umani e altri animali, includendo  come la morfologia abbia un suo  ruolo. La forma degli occhi, il colore che li circonda,  l’ombreggiatura e il contrasto che fanno parte del bulbo oculare, ognuno contribuiscono, o tolgono, la capacità di comunicare con uno sguardo. La forma orizzontale degli occhi umani e il  bianco che circonda le nostre pupille i ci distinguono dal resto dei primati; noi siamo l’unica specie nel nostro ordine che utilizzano lo sguardo come segnalazione.

La funzione di comunicazione  con lo sguardo può variare tra animali sociali e predatori. Precedenti ricerche suggeriscono che molti predatori usano uno sguardo “camouflage” per aumentare il successo di caccia.

Ricercatori giapponesi hanno deciso di guardare le immagini di canidi per capire le differenze di comunicazione con lo  sguardo in mezzo ai lupi, volpi, cani, sciacalli e coyote. Come varia fra queste specie affini? Come si collega al comportamento sociale o comportamento  predatorio  di una specifica specie?

Il team ha analizzato le immagini di 320 individui di 25 specie (tra cui  34 canidi viventi), confrontando i modelli di colore del viso e di entrambe le  pupille  e il posizionamento visivo tra ciascuna. Hanno anche studiato gli animali vivi negli zoo. Inoltre, gli scienziati considerano come ogni specie vive e caccia- alcune specie di canidi vivono e cacciano in gruppo, e alcuni da soli  o in coppia.

Il team ha scoperto che per le specie canide, modelli di colore del viso sono il più grande indicatore per la comunicazione con lo sguardo.  Il lupo grigio, l’antenato conosciuto dei cani noto per la sua abilità di caccia e di comportamento sociale, è risultato  in testa con il segnale sguardo – comunicativo  con i suoi fratelli.  Anche altri gruppi viventi e  specie di gruppi cacciatori  hanno dimostrato  una  forte segnalazione con sguardo.

I ricercatori,che  hanno pubblicato ieri su PLoS ONE, sperano che queste tecniche si estendono ben oltre lo sguardo di questi animali. “Il presente studio fornisce una prospettiva nuova per la futura ricerca sulla morfologia e la comunicazione delle specie di canidi,” scrivono.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.