My Staffy130Più di 140 anni fa, Charles Darwin notò qualcosa di strano sui mammiferi addomesticati. Rispetto ai loro antenati selvatici, le specie domestiche sono più docili, e tendono anche a  visualizzare una serie di altre caratteristiche, tra cui orecchie snervate, chiazze di pelo bianco, e più volti giovanili con ganasce più piccole. Al tempo delle osservazioni di Darwin, la spiegazione di questo modello si è rivelato elusivo, ma ora, in un articolo “Perspectives”  pubblicato sulla rivista Genetics, una nuova ipotesi è stata proposta e potrebbe spiegare il motivo per cui l’allevamento per la docilità provoca cambiamenti in diversi tratti.

Il legame  tra queste caratteristiche potrebbe essere il gruppo di cellule staminali embrionali denominate cresta neurale, suggeriscono gli autori. Sebbene questa proposta non è ancora stata testata, è la prima ipotesi unificata che collega vari componenti della “sindrome da addomesticamento”. Essa si applica non solo ai mammiferi come cani, volpi, maiali, cavalli, pecore e conigli, ma può anche spiegare i cambiamenti simili a uccelli domestici e pesci. 

“Proprio Perché Darwin fece le sue osservazioni proprio quando  la scienza della genetica iniziava, la sindrome da addomesticamento è uno dei problemi più antichi in campo. Così è stato tremendamente eccitante quando ci siamo resi conto che l’ipotesi cresta neurale lega ordinatamente insieme questo miscuglio di tratti , “afferma Adam Wilkins, presso l’Università Humboldt di Berlino. Wilkins è un editor in Genetica e uno degli autori del documento.
Le Cellule della cresta neurale si formano in prossimità dello sviluppo del  midollo spinale dei primi embrioni dei vertebrati. Come l’embrione matura, le cellule migrano verso diverse parti del corpo e danno luogo a molti tipi di tessuto. Questi tessuti sono cellule del pigmento e parti del cranio, mandibola, denti e le orecchie – così come le ghiandole surrenali, che sono al centro della risposta “lotta o fuga”. Cellule della cresta neurale colpiscono anche indirettamente lo sviluppo del cervello.
Nell’ipotesi proposta da Wilkins ed i  co-autori Richard Wrangham della Harvard University e Tecumseh Fitch dell’Università di Vienna, i mammiferi addomesticati possono  mostrare lo sviluppo alterato o migrazione delle cellule della cresta neurale rispetto ai loro antenati selvatici.
“Quando gli esseri umani allevarono questi animali per la docilità,  possono avere inavvertitamente selezionato quelli con lievi deficit della cresta neurale, con conseguente ghiandole surrenali piccole o di  lenta maturazione”, dice Wilkins. “Allora, questi animali erano meno timorosi.”
Ma la cresta neurale influenza di più  rispetto alle  ghiandole surrenali. Tra gli altri effetti, deficit della cresta neurale può causare depigmentazione in alcune zone della pelle (ad esempio, macchie bianche), malformazione della  cartilagine dell’orecchio, anomalie dei denti, e cambiamenti di sviluppo della mascella, tutti effetti  che si vedono nella sindrome addomesticamento. Gli autori suggeriscono che anche che la dimensione ridotta del proencefalo  dei mammiferi più domestici potrebbe essere un effetto indiretto dei  cambiamenti della cresta neurale, perché un segnale chimico inviato da queste cellule è critico per il corretto sviluppo del cervello.
“Questa idea interessante basata sullo sviluppo  biologico  ci avvicina alla soluzione di un enigma che è stato con noi da molto tempo. Fornisce un’ipotesi unificata per testare e portare informazioni preziose sulla biologia di addomesticamento”, afferma Mark Johnston, Editor-in-Chief di Genetica.
Prove di ipotesi cresta neurale potrebbero non essere lontano, come altri scienziati stanno rapidamente la mappatura dei geni che sono stati alterati dalla domesticazione nel ratto, la volpe e il cane. L’ipotesi prevede che alcuni di questi geni influenzeranno neural biologia cellulare cresta.
Se è così, avremo una comprensione molto  più profonda della biologia in un evento evolutivo significativo di fondo, dice Wilkins. “L’ Addomesticamento degli animali è stato un passo fondamentale nello sviluppo della civiltà umana. Senza questi animali, è difficile immaginare che  le società umane avrebbero progredito in questo modo”

L’articolo sopra è basato su materiale fornito da   Genetics Society of America.

Leave a Reply

Your email address will not be published.